La minaccia Muos – Quello che i media non dicono – PARTE 1

SHARE

http://www.youtube.com/watch?v=zU9pUM4r1wk& La minaccia Muos – Quello che i media non dicono – PARTE 1 La popolazione della Sicilia potrebbe essere in grave pericolo: presto potrebbe sorgere nell’entroterra siciliano un’installazione Muos (Mobile User Objective System), un sistema di comunicazione ad altissima frequenza gestito dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Studi degli esperti del Politecnico di Torino hanno messo in luce le conseguenze dell’irradiazione prolungata alle radiazioni del Muos: cancri, leucemie e malattie agli occhi e all’apparato riproduttore. L’installazione dovrebbe sorgere a pochi chilometri dal paese di Niscemi, in provincia di Caltanissetta; nel cuore di una sughereta che si estende per 3.000 ettari, area protetta e riserva naturalistica. Da anni in Sicilia si manifesta contro il Muos e si alza la voce, ma nessuno dei media nazionali si occupa di questa minaccia che potrebbe decimare nel giro di pochi decenni la popolazione siciliana. Diffondiamo queste notizie, perché si sappia ovunque a cosa stiamo andando incontro. In questo video Samuel Boscarello incontra di fronte al luogo in cui dovrebbero sorgere le installazioni il giornalista e peace-researcher Antonio Mazzeo – che da tempo si occupa con grande impegno della problematica Muos -, il sindaco di Niscemi Francesco La Rosa, Gianfranco Di Pietro dell’Arci Niscemi e il giornalista Oliviero Beha. PER VEDERE LA SECONDA PARTE DELL’INTERVISTA: www.youtube.com Leggi tutto questo articolo cliccando qui

NESSUN COMMENTO