Dai giornalisti agli anarchici per Crocetta sono tutti mafiosi

SHARE

L'evangelico «chi non è con me è contro di me», riveduto e corretto da lui, è diventato: «chi non è con me è mafioso». È toccato, negli ultimi tempi, a molti dei suoi detrattori, in aumento proporzionale al crollo del suo consenso. È toccato pure ai giornalisti, minacciati di essere schedati in dossier per verificarne eventuali parentele mafiose. Normale, in fondo, per uno come il governatore di … Leggi tutto questo articolo cliccando qui

NESSUN COMMENTO