Muos di Niscemi: ora l’Istituto

SHARE

Nuovo studio dopo quello di luglio, che aveva giudicato non pericolose le antenne. Adesso si chiede di controllare gli effetti sulla popolazione NISCEMI. Sono i bambini i soggetti più sensibili alle radiazioni del Muos (Mobile user objectiv system). Leggi tutto questo articolo cliccando qui

NESSUN COMMENTO